Sabato, 7 dicembre 2019 ITA  |  ENG
HOME  |  COMUNICAZIONI  |  rassegna stampa
Rassegna stampa

UNIRSI PER RIPARTIRE | da "Il Gazzettino Nuovo" del 30/05/19
Pubblicato il 03/06/2019
INTERVISTA CON IL PRESIDENTE DI ADICI, IL DISTRETTO DELLA CALZA E DELL’INTIMO
L’input positivo di Alessandro Gallesi: «Uniamoci per ripartire con ottimismo».

La parola d’ordine è: fare squadra. “Sì, non ci sono altre vie. Il mondo è cambiato, i rapporti commerciali sono differenti e la comunicazione è radicalmente diversa. Per reggere l’urto non rimane che l’unione, che non significa fondersi ma essere parte integrante di un progetto innovativo per le nostre imprese”. Parla Alessandro Gallesi, presidente da tre anni e mezzo di Adici, l’Associazione Distretto Intimo e Calza, molto sviluppata nel mantovano e nel bresciano, con una cinquantina di aziende associate e numerose imprese collaterali e aperte al dialogo. “È imprescindibile muoverci verso i paesi che manifestano crescite economiche importanti, penso al sud est asiatico e alla Cina. Ma si tratta di territori lontani ed estesi, un’azienda da sola potrebbe non avere la forza necessaria a reggere l’impegno economico, mentre, se troviamo un punto di raccordo, basato su competenze e professionalità, il cammino potrebbe essere facilitato. Mi riferisco a progetti comuni mirati che possono unificare gruppi di aziende e non certo alle caratteristiche produttive che anzi, nella loro diversità continuano a essere l’elemento trainante del nostro modo di rapportarci professionalmente con l’estero.

Un altro esempio: da un paio d’anni abbiamo la possibilità di commerciare con la Cina, ma è chiaro che un rapporto del genere ha bisogno di uffici dove si parla correttamente la lingua e dove si possa dialogare in tempo reale su acquisti e vendite. I cinesi ce lo dicono chiaramente: la creatività, lo stile e le capacità di innovazione di noi italiani, nella realizzazione dei prodotti, non ha eguali. E questa loro cercano da noi. È chiaro che il futuro delle nostre imprese passa per queste strade, bisogna superare singole sensibilità legate a epoche passate e capire che l’avvenire è nella cooperazione tra imprese. Noi in Europa viviamo momenti molto complicati: ricordiamoci la Brexit ma anche le problematiche di carattere politico che spesso si innescano tra Stati membri, che non fanno bene al nostro modus operandi. Non possiamo limitarci ad attendere che siano le sfilate di moda a decidere se le calze saranno un “must” della stagione continentale o meno. Io penso” – commenta Gallesi – “che gruppi di aziende che si coalizzeranno avranno le possibilità in di superare in ampiezza le nostre attuali possibilità di movimento”. Dunque la soluzione è proiettarsi su nuovi mercati, specialmente asiatici, e in nuovi canali di vendita (e-commerce). Affrontare nuovi paesi, spesso molto lontani geograficamente e culturalmente o il mondo della vendita on line, comporta inevitabilmente investimenti.

Ciò che Adici sostiene dalla sua fondazione del 2009 è quindi ineluttabile e inderogabile, pena il rischio della scomparsa, in breve tempo, del distretto come è stato inteso sino a oggi. “Tra l’altro” – dice il presidente Gallesi -, “sono gli stessi operatori internazionali, con cui siamo venuti in contatto in questi mesi, a indicarci come il modello aggregativo sia la soluzione da percorrere per avviare collaborazioni. A nostro avviso, accanto alla tradizione e alla normativa di rete di impresa proposta in Italia, bisogna fare riferimento a nuovi sistemi, più adatti alle caratteristiche culturali e dimensionali delle Pmi. Serve cioè un nuovo schema che consenta di superare le criticità emerse nei vari tentativi di aggregazione avvenuti nel passato nel distretto. Crediamo in un modello che consenta alle aziende da un lato di cooperare e fare massa critica e dall’altro di mantenere autonomia operativa. Riteniamo” – termina il presidente Alessandro Gallesi – “che il modello ottimale sia di nuove società ad hoc esterne alle imprese, ma da esse create.” Adici chiede alla politica l’attivazione della “diplomazia economica” anche per il nostro settore come già avviene ad esempio nell’agroalimentare.










IN EVIDENZA
MANTOVA, UNO SU DUE NON CE LA FA. LA CRISI DEL DISTRETTO DELLA CALZA | dal “Corriere della Sera” del 04/11/19
In dieci anni persa la metà degli occupati; «Il prezzo più alto lo pagano le donne»

MANTOVA — La crisi economica ha inferto un duro colpo...continua
ADICI: «ALLE AZIENDE SERVE CREATIVITÀ» | da "La Gazzetta di Mantova del 16/10/19
Le future stiliste ed esperte di moda in visita nel distretto della calza

CASALOLDO — Prima azione congiunta sul territorio per il binomi...continua
ADICI CREA CORSI DI FORMAZIONE PER CALZIFICI | da "La Gazzetta di Mantova" del 29/09/2019
Progetto nato dalla collaborazione con l'istituto "Machina Lonati" di brescia. la Regione finanzia l'iniziativa, lungo l'elenco delle aziend...continua
“INTIMO E CALZA IN CRISI, MA NON C’È NESSUNO CHE CI ASCOLTA” | dal “Gazzettino Nuovo” del 31/10/19
Intervista con il presidente di Adici sui problemi del distretto

Il 28 ottobre è stata presentata dal Professor Antoldi della Cattolica, ...continua
ADICI PREMIA FADI NASR, VINCITORE DEL PROGETTO HYBRID CON DOMUS ACADEMY
(Da "La Gazzetta di Mantova" del 27/09/19 - (scarica l'allegato per leggere l'articolo completo))

GLI STUDENTI INVENTANO PER LE AZ...continua
Report ricerca: "COSTRUIRE IL FUTURO DEL DISTRETTO INDUSTRIALE DI CASTEL GOFFREDO. INSIEME."
CASTEL GOFFREDO — 28 ottobre 2019

Sintesi dei risultati della ricerca condotta dal CERSI Università Cattolica del Sacro Cuore.

...continua
OSSERVATORIO ECONOMICO CALZETTERIA - Brescia, 30 maggio 2018
I principali dati statistici di settore per il 2017: analisi e prospettive (a cura di ADICI e CSC Centro Servizi Impresa)

Scarica il d...continua

Partner
festival
Privacy  |  Credit